Lavinia Turra

Nata a Bologna, la rossa città della cultura e dell’arte; cresciuta fra donne che tagliavano e cucivano, ha frequentato da bambina antiche sartorie e imparato l’amore per questo lavoro.

Il suo mestiere nasce e cresce con l’uso delle mani, che conoscono e usano non solo i colori e le matite, ma soprattutto i materiali, le stoffe e i tessuti, adoperando forbici, ago e filo.
Arriva a questo lavoro attraverso un’attrazione e una lunga strada di “connivenze”, “complicità”, assidue partecipazioni e personale studio, legati all’arte, alla pittura, al teatro, perché chiunque fa tutto questo con un po’ di scrupolo e passione, conosce i debiti che il mondo del fare ha contratto e contrae ogni momento con l’universo dell’arte.

Curiosa per natura, la relazione personale e l’ascolto sono alla base della sua capacità creativa di “vestire” perché l’abito, “deve rappresentare la donna e non travestirla”.

La Maison

Nel cuore verde di Bologna uno spazio di 200 Mq dedicato alle collezioni con la possibilità di capi su misura e allestimenti concettuali d’immagine che ne riflettono l’ispirazione. In contatto diretto con le proprie le clienti, la maison si propone di essere un luogo di incontro dove arte, bellezza e funzionalità soddisfano la nuova richiesta sul mercato. Così Lavinia Turra direttrice artistica dell’omonima etichetta apre le porte sulla sua storia e sul suo archivio. Una trasformazione che mostra e condivide in questo spazio, nel rispetto del suo DNA e del suo stile.

 

Un ponte tra passato e futuro

L’apertura della Maison realizza il sogno di un luogo ideale per ospitare le collezioni prêt-à-couture e curare lo stile delle proprie clienti con autentica originalità sartoriale.  Una scelta in linea con l’immaginario di Lavinia Turra e la sua formazione e che restituisce alle collezioni quella naturale cura completamente Made in Italy. Una visione autentica e un omaggio all’inconfondibile stile italiano attraverso la miseenscène della storica sartoria rivisitata in chiave contemporanea.